Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Chiesa di Santa Maria in Castello

Proprietà Istituto Canossiano Barbara Melzi

Sita all’interno del complesso del Palazzo Pusterla – Melzi si trova la chiesa di Santa Maria in Castello, eretta su una preesistente cappella alla Vergine ai tempi del castello. Dell’antica struttura non è rimasto nulla, poiché nel corso dei secoli, la chiesa e il palazzo furono notevolmente rimaneggiati. Nel 1879 la chiesetta fu completamente ricostruita per volere di Barbara Melzi, l’ultima erede della famiglia.

La chiesa di Santa Maria si presenta oggi come un edificio a navata unica, con presbiterio rettangolare e campanile in laterizi a vista. Dopo una ripida scalinata si apre la facciata a capanna, con decorazioni in stile neo-medievale. Al di sopra del portale d’accesso si aprono quattro coppie di bifore ad archetto con vetrate policrome. Nel grande frontone triangolare è affrescata l’Annunciazione mentre altre decorazioni si trovano lungo i profili delle bifore e nella lunetta dell’ingresso.

All’interno si conserva l’Arca di Tommaso Pusterla, il monumento funebre marmoreo di colui che, nel corso del Trecento, edificò il castello e la chiesa. Attribuito ai maestri della Scuola Campionese, il sarcofago è stato realizzato alla fine del XIV secolo ed è oggi usato come pala d’altare.

Nel riquadro centrale dell’arca è rappresentato Tommaso Pusterla che, inginocchiato, offre alla Madonna col Bambino un modellino della chiesa di Santa Maria in Castello. Completano il monumento la scena laterale dell’Annunciazione, una Pietà, gli stemmi dei Pusterla e un Cristo crocifisso al centro.