Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Bando | Interventi di tutela e risanamento delle acque lacustri e dei reticoli irrigui

Regione Lombardia ha disposto l’assegnazione di fondi per interventi mirati alla tutela e risanamento delle acque lacustri ed alla riqualificazione ambientale del reticolo irriguo.

OBIETTIVI
Concorrere alla tutela e risanamento delle acque lacustri, attraverso linee di finanziamento denominate “Interventi sui laghi/biodiversità”, “Recupero sponde lacuali e interventi di disinquinamento acque”, e “Battelli spazzini”.
Concorrere alla riqualificazione ambientale del reticolo irriguo raggiungendo gli obiettivi di qualità previsti dalla Direttiva 2000/60/CE.

A CHI È RIVOLTO

  • Primo BandoTutela e risanamento acque lacustri:
    Soggetti pubblici in forma singola o associata quali le Province lombarde, i Comuni lombardi (Autorità di bacino lacuale, Comunità montane, Unione di Comuni o altre modalità di intese o di aggregazione tra comuni), gli enti gestori delle aree protette, purché territorialmente interessati dai laghi oggetto del PTUA.

Autorità di Bacino lacuale dei laghi d’Iseo, Endine, Moro; Autorità di Bacino lacuale Ceresio, Piano e Ghirla; Autorità di Bacino del Lario e dei laghi minori; Comune di Cazzago Brabbia; Comune di Desenzano del Garda; Comune di Faggeto Lario; Comune di Garlate; Comune di Iseo; Comune di Lecco; Comune di Merate; Comune di Ranco; Comune di Sirmione; Comune di Valbrona; Comune di Vergiate; Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano; Consorzio Parco lago Segrino;  Parco del Mincio; Parco Regionale Campo dei Fiori; Parco Valle Lambro; Provincia di Brescia; Provincia di Lecco; Provincia di Varese; Riserva Naturale Pian di Spagna e lago di Mezzola; Unione dei comuni della Valtenesi.

  • Secondo bando – Tutela e risanamento acque lacustri:
    Soggetti pubblici in forma singola o associata quali le Province lombarde, i Comuni lombardi e altri soggetti quali l’Autorità di bacino lacuale, le Comunità montane, le Unioni di Comuni o altri enti risultanti da fenomeni associativi e/o aggregativi. Nonché gli enti gestori delle aree protette, gli uffici d’Ambito Territoriale ottimale, purché territorialmente interessati dai laghi oggetto del PTUA.

Città Metropolitana di Milano; Comune di Brezzo di Bedero; Comune di Carlazzo; Comune di Cazzago Brabbia; Comune di Mantova; Comune di Germignaga; Comune di Iseo; Comune di Merate; Comune di Vergiate; Comunità Montana dei laghi bergamaschi; Riserva Pian di Spagna e Lago di Mezzola; Ufficio d’Ambito di Brescia; Ufficio d’Ambito di Como; Ufficio d’Ambito di Lecco; Ufficio d’Ambito di Mantova; Ufficio d’Ambito di Sondrio; Ufficio d’Ambito di Varese; Unione dei Comuni della Valtenesi.

  • Condizionalità Ex Ante – Tutela reticoli irrigui:
    Consorzio di Bonifica Dugali Naviglio Adda Serio; Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi; Consorzio di Bonifica Garda Chiese; Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca; Consorzio di Bonifica Oglio Mella.

ENTITÀ E FORME DELL’AGEVOLAZIONE
La dotazione finanziaria è così suddivisa:
Primo Bando – Tutela e risanamento acque lacustri: euro 16.081.947,83;
Secondo bando – Tutela e risanamento acque lacustri: euro 23.918.052,17;
Condizionalità Ex Ante – Tutela reticoli irrigui: euro 1.200.000,00.

TERMINI
Le domande possono essere presentate dal 22 agosto 2022.

RIFERIMENTI
Per maggiori dettagli consultare l’avviso.