Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Chiesetta di San Michele Arcangelo

Preesistente al tardo XIII secolo, la chiesetta di San Michele Arcangelo è una ricostruzione di inizio Seicento. Tra il 1775 e il 1781 l’edificio religioso cambia orientamento e viene aggiunto un nuovo coro.

La chiesetta si trova su una piccola altura di fronte alla zona cimiteriale ed è raggiungibile tramite una breve scalinata. Ha pianta rettangolare con aula unica, presbiterio quadrangolare e un breve campanile. La facciata è capanna e si compone dell’antico catino absidale, aperto con un grande arco a sesto acuto a formare una sorte di pronao. Si conserva qui un ciclo pittorico della prima metà del Cinquecento con i Dottori della Chiesa, gli Evangelisti, la fuga in Egitto e l’Adorazione dei Magi.

L’interno custodisce ulteriori affreschi di epoche diverse con diversi santi, quali San Giovanni Battista, San Sebastiano, Sant’Antonio Abate, Sant’Ambrogio e Santa Lucia. Vi sono inoltre numerose raffigurazioni della Madonna col Bambino, rappresentata in trono, in polittico e coi santi Cristoforo e Rocco.
Ricordiamo infine la pala d’altare, collocata in una cornice barocca con volute e putti. La tela raffigura la Vergine Maria con Santa Apollonia, Sant’Alessandro e la figura di Dio Padre che regge un drappo.

©Riproduzione riservata