Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Recovery Fund, PNRR Italia – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Trasmissione del PNRR al Parlamento.

25 Aprile 2021

Il Governo ha trasmesso oggi al Parlamento il testo del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).
Il Piano si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica.

Il Piano italiano prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro, finanziati attraverso il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, lo strumento chiave del NGEU.
Ulteriori 30,6 miliardi sono parte di un Fondo complementare, finanziato attraverso lo scostamento pluriennale di bilancio approvato nel Consiglio dei ministri del 15 aprile.
Il totale degli investimenti previsti è pertanto di 222,1 miliardi di euro.

Il Piano include inoltre un corposo pacchetto di riforme, che toccano, tra gli altri, gli ambiti della pubblica amministrazione, della giustizia, della semplificazione normativa e della concorrenza.
Si tratta di un intervento epocale, che intende riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica, contribuire a risolvere le debolezze strutturali dell’economia italiana, e accompagnare il Paese su un percorso di transizione ecologica e ambientale.
Il Piano ha come principali beneficiari le donne, i giovani e il Mezzogiorno e contribuisce in modo sostanziale a favorire l’inclusione sociale e a ridurre i divari territoriali.
Nel complesso, il 27 per cento del Piano è dedicato alla digitalizzazione, il 40 per cento agli investimenti per il contrasto al cambiamento climatico, e più del 10 per cento alla coesione sociale.

Fonte: https://www.governo.it/it/articolo/pnrr/16718

Next Generation UE

Unione Europea ha dato vita al programma per far fronte in via straordinaria alle conseguenze economiche e sociali della pandemia da Covid-19.

Nelle prossime settimane, il Governo italiano dovrà inviare alla Commissione Europea il proprio Recovery Plan per dare attuazione concreta al programma europeo.
Al fine di evidenziare le specifiche necessità degli Enti Locali in ordine all’utilizzo delle risorse stanziate dall’Unione Europea, ci è sembrato necessario coinvolgere gli Enti Locali per raccoglierne le esigenze, monitorare i bisogni e poter fornire un contributo per far sentire la voce dei Comuni.

Sono state poste alcune semplici domande per avere gli elementi utili a confezionare un documento riepilogativo da inviare al Governo e all’Unione Europea.

Quali sono i piani di azione ideali per raggiungere quella che è presentata come una vera e propria rivoluzione, in prospettiva di una rinascita economica del paese e a vantaggio soprattutto delle future generazioni?

Un programma di interviste per raccogliere l’opinione delle Amministrazioni Pubbliche e delle Associazioni sugli obiettivi che dovrebbero essere raggiunti anche grazie ai fondi che saranno messi a disposizione dall’Europa.

Ne parliamo con il Presidente di ANCE Varese, Massimo Colombo, e con il Vice Presidente Alberto Rimoldi.