Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Pubblicato in G.U. il DPCM in materia di finanziamento e sviluppo dei servizi sociali comunali

È stato pubblicato in G.U. n. 209 del 1° settembre 2021 il DPCM del 1° luglio 2021,  con il quale vengono determinati gli obiettivi di servizio e le modalità di monitoraggio, per definire il livello dei servizi offerti e l’utilizzo delle risorse da destinare al finanziamento e allo sviluppo dei servizi sociali svolti in forma singola o associata dai Comuni delle Regioni a Statuto ordinario. Sulla base di tali parametri, è stata effettuata la ripartizione delle quote incrementali del Fondo di solidarietà comunale, previste dalla legge n. 178/2020, per l’anno 2021 di 215.923.000 euro e di importi crescenti per gli anni successivi, sino a 650.923.000 euro annui a decorrere dall’anno 2030. Ciò consentirà di riequilibrare sul territorio i livelli di spesa per i servizi, e i Comuni potranno fornire prestazioni ai cittadini sulla base delle effettive esigenze della collettività e non più basate sulla spesa storica, criterio che svantaggiava gli enti che risultavano aver speso meno negli anni precedenti. Ciò renderà più equilibrata la spesa dei Comuni, e i predetti enti locali potranno assicurare maggiori erogazioni economiche per lo sviluppo della funzione sociale, erogazioni che saranno sottoposte a monitoraggio per assicurare il continuo potenziamento dei servizi sociali.
Le risorse incrementali della dotazione del Fondo di solidarietà comunale 2021 di 215,9 milioni di euro per lo sviluppo di servizi sociali non sono da considerarsi integralmente aggiuntive per tutti i Comuni, considerato che parte delle stesse sono destinate a compensare le minori risorse determinate dal cambio di metodologia dei fabbisogni standard operato per l’anno 2021 e, in ogni caso, a mantenere inalterato il livello di servizio già offerto.

 

News autorizzata da Perksolution