Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Linee di indirizzo ANCI/IFEL-ANACAP sulla rinegoziazione dei contratti per la gestione e la riscossione delle entrate comunali

ANCI/IFEL e ANACAP (Associazione Nazionale Aziende Concessionarie), al fine di prevenire il possibile instaurarsi di un contenzioso tra le società che gestiscono i servizi di accertamento e riscossione delle entrate comunali ed i Comuni affidatari, hanno definito delle linee di indirizzo, al fine di delineare – fermo il rispetto dell’autonomia decisionale degli enti locali – punti di riferimento solidi, ai quali possono conformarsi le parti contrattuali per superare lo squilibrio che la pandemia può aver determinato nello svolgimento dei contratti di gestione. Le straordinarie condizioni imposte dall’emergenza epidemiologica e dai provvedimenti specifici hanno profondamente modificato la gestione delle entrate comunali ponendo gli operatori di fronte a situazioni inedite e alla necessità di intraprendere decisioni difficili. Il documento consente una “rivisitazione o rinegoziazione” dei contratti medesimi, essendo non auspicabile (e per certi aspetti impraticabile) qualsiasi ipotesi di risoluzione generalizzata dei contratti, che – a prescindere da valutazioni di stretto ordine giuridico – produrrebbe grave pregiudizio all’intero sistema della fiscalità locale. La norma di riferimento è l’art. 106 del D.Lgs. 50/2016, che dà la possibilità di modificare i contratti al seguito al verificarsi di circostanze impreviste e imprevedibili per l’amministrazione aggiudicatrice o per l’ente aggiudicatore. Le linee guida possono costituire, quindi, elementi di supporto ai Comuni ed alle società affidatarie dei servizi in questione, così da impostare un confronto proficuo ed improntato a canoni di correttezza, buona fede e solidarietà, ai fini della salvaguardia della funzione entrate.

 

News autorizzata da Perksolution