Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

I musei in zona gialla

Febbraio porta con sé la zona gialla in Lombardia e la riapertura di musei e luoghi della cultura, il cui accesso è possibile solo dal lunedì al venerdì e nel rispetto delle norme anti Covid-19.

Varese inaugura la stagione culturale dei musei civici con le mostre “Nel salotto del collezionista” al Castello di Masnago  e “Parole di Sabbia” al Museo Etno-Archeologico Castiglioni. Il museo di Villa Toeplitz è attualmente visitabile dal mercoledì al venerdì dalle 14:00 alle 20:00.
In città riaprono anche il Museo Tattile e Villa Panza, che accoglie il suo pubblico con una nuova stanza dedicata al conte Giuseppe Panza e il ritorno delle grandi tele monocromatiche “Stable Paintings” di Phil Sims nelle scuderie.

Segnali di apertura arrivano anche dal Sacro Monte, dove però la stagione inizierà solo a marzo. Nell’attesa la Casa Museo Lodovico Pogliaghi offre una visita guidata in anteprima, che si terrà lunedì 8 febbraio.
Domenica 7 si terrà invece “Graffiti. Le parole dei pellegrini in Cripta”, l’ultimo dei webinar dedicati al Sacro Monte di Varese.

Tornano in sicurezza anche il MA*GA di Gallarate, con le mostre “Marzia Migliora. Lo Spettro di Malthus” e “La fantasia è un posto dove ci piove dentro” e il Museo Civico Guido Sutermeister di Legnano.
A Busto Arsizio riaprono il Museo del Tessile e la collezione di Palazzo Marliani Cicogna, dove è possibile visitare la mostra “Giuseppe Bossi e Raffaello – Opere dalle collezioni civiche e private”, già fruibile nelle scorse settimane in modalità virtuale.

Rimanendo nel Varesotto segnaliamo la riapertura della Collegiata di Castiglione Olona, del Museo Gianetti a Saronno e del Museo dei Fossili di Besano, mentre rimane chiuso il centro di Meride.
Il particolarissimo Museo Fisogni di Tradate, che espone stazioni di servizio, è visitabile solo su prenotazione, come anche la Collezione d’Arte di Villa Cagnola a Gazzada Schianno, che tra arredi e pregiati arazzi conserva dipinti su tela e tavola che vanno dal Trecento al Settecento, con opere di Bernardino Luini e del Carpaccio.

La riapertura non è però totale. Restano ancora chiusi Villa Mirabello, i beni del FAI Villa della Porta Bozzolo a Casalzuigno, la Torre di Velate e il Monastero di Torba e molti altri luoghi di cultura.
Sperando che si possa tornare in tutti i musei al più presto, segnaliamo che online sono presenti molti contenuti digitali per una visita in tutta sicurezza da casa. Tra questi vi sono i tour virtuali del Monastero di Cairate, di Volandia, dell’Eremo di Santa Caterina a Leggiuno e di Villa Cicogna Mozzoni a Bisuschio.

Per orari e modalità di fruizione rimandiamo ai singoli siti e link.