Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Bando interventi finalizzati all’avvio di processi di rigenerazione urbana

Descrizione bando
Bando finalizzato alla realizzazione di interventi pubblici relativi ad aree/immobili di proprietà pubblica (proprietà del Comune che presenta l’istanza ovvero di proprietà del Demanio dello Stato o di altra Amministrazione pubblica e nella disponibilità esclusiva del medesimo Comune istante in virtù di un titolo che ne legittimi la detenzione o il possesso per un periodo coerente con la durata e la natura dell’intervento) e di pubblico interesse volti all’avvio di processi di rigenerazione urbana, in relazione alle strategie di rigenerazione urbana del comune.

Chi può accedere al contributo?
Sono beneficiari diretti dei contributi regionali tutti i Comuni lombardi, in forma singola o associata (Comunità montane, Unione di Comuni o altre modalità di intese o di aggregazione tra comuni).

Tipologia di interventi ammissibili
I Comuni potranno presentare un intervento o un programma di interventi afferenti anche a più di una delle seguenti tipologie:

  • recupero, riqualificazione e adeguamento funzionale, strutturale e impiantistico di immobili, tra cui anche interventi di eliminazione barriere architettoniche, di prevenzione dei rischi naturali, tra cui il rischio idrogeologico e sismico, di riqualificazione energetica e acustica;
  • riqualificazione di spazi pubblici e di aree verdi urbane e miglioramento dell’accessibilità e della mobilità.

Spese in conto capitale relative a:
– realizzazione di opere e lavori o all’acquisizione di beni capitali e immobilizzazioni materiali e immateriali (es. opere e lavori edili, strutturali e impiantistici, ristrutturazione dei locali, arredi, dispositivi tecnologici, etc.);
– spese tecniche di progettazione, di verifica, validazione, direzione dei lavori, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, collaudo.

Entità e forma dell’agevolazione
Il finanziamento è concesso nella forma del contributo a fondo perduto, fino al 100% delle spese ammissibili. L’investimento minimo previsto per ciascuna istanza di contributo è di 100.000 € (IVA compresa) e il contributo massimo concedibile per beneficiario singolo o in forma associata è di 500.000 € (IVA compresa).
Il finanziamento è cumulabile con eventuali altri finanziamenti pubblici concessi per le stesse opere o interventi, a qualsiasi titolo, da provvedimenti nazionali e dell’UE ove non è prescritto il divieto di cumulo.
Il finanziamento non è cumulabile con eventuali altri finanziamenti regionali.

Presentazione della domanda
In fase di attuazione.