Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Giornate FAI d’autunno, 17 – 18 ottobre 2020

Un forte segnale della cultura che non si ferma arriva dal FAI, che propone anche per il 2020 le Giornate d’autunno. Quest’anno le aperture saranno eccezionalmente in due fine settimana, per evitare assembramenti e permettere a tutti di godere delle meraviglie nascoste del nostro paese.
Il FAI fu fondato nel 1975 da Giulia Maria Crespi, con la donazione del primo bene, il Monastero di Torba. Alla signora Crespi, recentemente scomparsa, è dedicata questa edizione delle Giornate FAI d’autunno.
Gli appuntamenti sono per il 17 – 18 e 24 – 25 ottobre.
Segnaliamo qui alcuni appuntamenti imperdibili nel primo weekend lombardo.

La città e provincia di Varese ospitano ben quattro beni del Fondo Ambiente. Il FAI a Varese è di casa, non solo per le proprietà ma anche per via del profondo legame che Giulia Maria Crespi aveva con la città.
Il Monastero di Torba, che è anche patrimonio UNESCO dal 2011, offrirà visite incentrate sulla regola benedettina e sull’apicoltura, alla scoperta degli alveari che ospita negli spazi aperti. Sempre di epoca medievale e bene FAI, è la Torre di Velate, per scoprire tutto sulle fortificazioni difensive.
Molte le residenze nobiliari visitabili, tra cui Villa Hussy a Luino, Cascina Immacolata, Cascina Crocifisso e Villa Molino a Sumirago e, tra i beni del Fondo Ambiente, Villa Della Porta Bozzolo a Casalzuigno e Villa Panza con la sua collezione di arte contemporanea.
A Samarate sarà possibile visitare la Villa della famiglia Agusta e il vicino Museo Agusta.
Completano le proposte varesine la Centrale Bosco Grosso e il Museo delle Pipe di Brebbia, unico nel suo genere.

A Milano saranno tantissime le aperture di dimore nobiliari. Tra queste segnaliamo il Castello Mediceo a Melegnano, la Rocca Brivio a San Giuliano Milanese, Palazzo Cittadini Stampa ad Abbiate Grasso, la Canonica e Palazzo Visconti a Bernate Ticino, Parco Villa Ghirlanda a Cinisello Balsamo e ovviamente le residenze del Fondo Ambiente Villa Necchi Campiglio e la Palazzina Appiani a Milano.

Bergamo apre in via eccezionale i Giardini di Palazzo Moroni, da poco bene FAI, per passeggiate tra parchi, giardini pensili e terrazze settecentesche. Una vera e propria immersione nella natura è quella offerta al Boscospino di Calvenzano, un’area boschiva adiacente al laghetto Spino, che dal 1993 coinvolge le scuole per il recupero e la valorizzazione del paesaggio.
Grande protagonista Sovere, che permetterà la visita all’Antico Borgo San Martino, al Santuario della Madonna della Torre e a Palazzo Silvestri.

Tra gli appuntamenti di Brescia segnaliamo le visite guidate a Palazzo Facchi, Palazzo Martinengo delle Palle, Palazzo Martinengo Palatini e alla Quadreria dei Benefattori agli Spedali Civili.
Molto particolare la visita al Museo della Breda, rifugio antiaereo della Seconda Guerra Mondiale, fruibile con la simulazione audio di un bombardamento. Per gli amanti della natura, consigliamo le attività di Borno, con la visita agli edifici dell’ex Sanatori Croce di Salven e al Roccolo Guidetti Franzoni.

Con vista sul magnifico lago di Como sono le visite a Palazzo Gallio a Gravedona, alla biblioteca del Convento Francescano di Dongo e alla Chiesa dei Santi Eusebio e Vittore a Peglio.
Saranno inoltre aperti i beni del Fondo Ambiente affacciati sul lago, Villa Fogazzaro Roi a Oria e a Tremezzina la splendida Villa del Balbianello e la Torre del Soccorso “del Barbarossa”.

A Cremona si apriranno le porte di Villa Marazzi e a Crema di Palazzo Marazzi, entrambe residenze del conte Fortunato Marazzi. Sempre in città si potranno visitare l’archivio storico diocesano di Palazzo Vescovile, il Museo Lauretano e la Quadreria della Fondazione Città di Cremona, con importanti capolavori del Novecento.
Imperdibile a Lecco la visita alle Mura, alla Torre Viscontea e ai sotterranei della città alla scoperta delle fortificazioni cinquecentesche. A Merate saranno aperte Villa Subaglio, con giardini all’italiana e all’inglese, e la Chiesa di Sartirana, moderna e ricercata struttura del XX secolo.

Mantova, grande centro culturale medievale e rinascimentale, patria dei Gonzaga, offre visite alla cappella Gonzaga della Chiesa di San Francesco, al Castello Scaligero di Ponti sul Mincio e all’Oratorio della Beata Vergine di Loreto e a Palazzo dei Vescovi a Quingentole.
Di epoca più tarda sono invece il bene FAI Antica Edicola dei giornali in piazza Canossa e il Forte Ardietti, costruzione asburgica a difesa di Mantova, Legnago, Verona e Peschiera.

Ricca di ville di delizia, la provincia di Monza e della Brianza apre con le Giornate del FAI altre splendide residenze, tra cui Villa Brivio Vertua a Nova Milanese, Cascina Lodovica e Palazzo Trotti a Vimercate.
Pavia si concentra sui propri gioielli religiosi, con visite guidate alla Basilica di San Pietro a Broni, al Monte Sacro di Torricella Verzate, alla Chiesa di San Bartolomeo a San Zenone al Po e ai Chiostri di San Lanfranco.
Concludiamo con Sondrio che, rispettando il proprio carattere montuoso, propone escursioni sul Sentiero delle Lunghe fino al Borgo di Roncaiola fuori Tirano e all’Alpe Pedroria e Madrera a Talamona. Tirano sarà inoltre protagonista di diversi tour cittadini, alla scoperta del comune come Crocevia delle Alpi e Città di confine (quest’ultimo suddiviso in due diversi circuiti).

Tutte le visite sono su prenotazione.
Per le modalità di fruizione consultare il sito del Fondo Ambiente Italiano.